Putin pronto a fare il vice sindaco a Roma? Voi lo vorreste?

Putin pronto a fare il vice sindaco a Roma, ultima ora: 

Sindaco Raggi e vice sindaco Putin – Secondo le ultime indiscrezioni, provenienti direttamente dalla capitale russa Mosca, Vladimir Putin è pronto a fare da vicesindaco a Roma, nella giunta Raggi. Le parole giungono direttamente dal capo del suo ufficio stampa, Fedor Dostoevskij:

“Il presidente è pronto a fornire una mano agli Italiani e a Roma. Egli vuole il bene del popolo Italiano e mai lascerebbe l’Italia in un momento di grave crisi politica come questa. Se i cittadini italiani lo vorranno, Putin è pronto a scendere al fianco del sindaco di Roma Virginia Raggi, nel ruolo di vicesindaco. Lo scopo è dare una mano forte a tutta la capitale. Anche perché in questo momento della sua carriera politica, il presidente russo non è impegnato in nessuna attività. Sarebbe ben contento di dare una mano dove può”.

sindaco

– L’annuncio della candidatura del presidente russo nel ruolo di vicesindaco della capitale ha entusiasmato moltissimi italiani. Molti giornalisti italiani, come il noto Mauro Prestasani dice:

“Finalmente il grande zar, quello che pone ordine ovunque è pronto a calcare il suo capitolino, che bella cosa. Sono felicissimo e spero che Putin possa diventare il vicesindaco più bello e forte d’Italia, che possa anche riassestare la giunta di Roma che a quanto pare è travolta da problemi forti”.

-Insomma tutto sembra pronto, la decisione di Putin sembra proprio importante. D’altronde come diceva il noto intellettuale Ignazio Ruisi:

“Con Putin tutto si aggiusta, tutto si risolve, tutto si fa e alla fine vissero belli felici e contenti”. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.

Già da tempo Putin e le sue trasmissioni si trovano in Italia per instaurare con il popolo italiano quel tipo di fiducia che lo zar vuole.

In Italia si parla di Sputnik, un sito russo che ha redazioni in molti Paesi…

Sì, oltre al canale satellitare il Cremlino finanzia televisioni e media locali. Non sappiamo quanti soldi investa in questo tipo di attività.  Sicuramente i governi occidentali dovrebbero bilanciare queste interferenze andando a investire sul giornalismo. Questo favorisce la crescita di strumenti di informazione indipendenti e di associazioni dal basso che possano fare fact-checking e contrastare la propaganda dei canali filo-russi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

loading...

LASCIACI UN COMMENTO

commenti