400 EURO AL MESE PER TUTTE LE CASALINGHE …SI CHIAMA REDDITO DI SOSTEGNO

Casalinghe al lastrico? Problema risolto!

Casalinghe libere e il movimento “Siciliani Liberi” ha proposto il “reddito di sostegno”: si tratta di un assegno per casalinghe e lavoratrici part-time.
La proposta è stata mandata avanti dall’ Avv. Roberto La Rosa, candidato governatore in Sicilia. Nasce questa idea perché un milione e 200mila donne risultano disoccupate. Tengono a far sapere che “gestiscono una vera e propria azienda, quella familiare“. Si tratterebbe di un assegno di 400 euro al mese alle casalinghe e 200 euro per le lavoratrici part-time.*

COME FINANZIARE IL REDDITO DI SOSTEGNO

Il movimento “Siciliani Liberi” intende in questo modo valorizzare il valore della donna che dedica il proprio tempo per la cura della casa e della famiglia.
 Il candidato Roberto La Rosa, spiega inoltre l’importanza che potrebbe avere l’introduzione del reddito di sostegno. Questo infatti, oltre a valorizzare il ruolo della donna nella famiglia e nella società, si rivelerebbe importante anche per l’economia.
Per realizzare il progetto sono necessari 400 milioni di euro, una cifra non impossibile da reperire, come spiega Massimo Costa. Il presidente del movimento: “si trova agevolmente recuperando parte delle risorse tributarie spettanti alla Sicilia (solo per l’Iva 3 miliardi) e attraverso l’emissione della moneta fiscale complementare“.
Riconoscere il loro ruolo sociale con un ‘reddito di sostegno’ non è solo un problema di equità sociale e morale. Ha insistito, ma presenta anche importanti effetti benefici dal punto di vista economico“.
La fonte:  LA REPUBBLICA.IT

COMMENTA 

⇓⇓⇓

commenti